PATAGONIA

BIKEPACKING

ARGENTINA
GIORNI 16
CHILOMETRI 1000
DISLIVELLO +10.000m
DIFFICOLTA’ 9
1.790

a persona

Dal 13 al 29 Febbraio 2020

Se hai sognato di viaggi allora hai sempre desiderato di venire in Patagonia.

Tonnellate d’inchiostro hanno riempito i diari di quelli prima di noi e grandi scrittori ne hanno narrato le storie e i paesaggi.

Basta solo evocarne il nome per fare affiorare fantasie di possenti cime innevate, sconfinati paesaggi e storie di esploratori.

Adesso in punta di tasselli tocca a noi farci sconvolgere dal luogo dove Dio ha detto alla natura “fa quello che vuoi, ma fallo forte”

Attraverseremo la Patagonia in bicicletta, in autosufficienza, senza veicolo d’appoggio e in bikepacking. Oltre 1000 km in due settimane solcando il percorso in assoluto più affascinante di questa remota regione. Raggiungeremo Ushuaia partendo da El Calafate e visiteremo il Perito Moreno, il Parco Nazionale Torres del Paine e attraverseremo tutta  Terra del Fuoco.

Per la buona riuscita di questa spedizione è sarà necessario creare un forte spirito di gruppo. Nessuno sarà lasciato solo o in difficoltà, per nessun motivo. Sarà responsabilità non solo delle guide, ma anche dei singoli partecipanti aiutare a risolvere qualunque tipo di problema si presenti durante il viaggio.

Sarà una pedalata indimenticabile, ma anche un’occasione unica per educarci alla coscienza di gruppo e alla capacità di condividere gioia, fatica, progettualità, organizzazione, coordinazione, sconfitte e successi.

14 Febbraio 2020

Arrivo a El Calafate, Argentina. Transfer in hostel. Preparazione biciclette, briefing, cena.

15 Febbraio 2020 – El Calafate

Visita al ghiacciaio Perito Moreno, ultimi approvvigionamenti prima della partenza

16 Febbraio 2020: El Calafate – 1º Accampamento

1ª Tappa – 127 km (di cui 93 su asfalto)- Dislivello+ 1.000 mt 
Iniziamo la nostra avventura lasciandoci alle spalle El Calafate e immettendoci sulla mitica Ruta 40. Una lunga e costante salita ci porterà fino alla Cuesta de Miguez, uno splendido balcone da dove potremo ammirare la valle del Lago Argentino e con un pò di fortuna il massiccio del Fitz Roy. La seconda parte della tappa sarà più rapida fino all’innesto con una pista sterrata che ci immetterà nella pampa patagonica fino a raggiungere il nostro accampamento.

17 Febbraio 2020: 1º Accampamento – Cerro Castillo

2ª Tappa – 86 km (di cui 33 su asfalto) – Dislivello+ 500 mt
Prima parte di giornata su pista sterrata con panorami sulla pampa. Dopo aver raggiunto l’asfalto e averlo percorso per una decina di chilometri inizieremo ad intravvedere le prime roccaforti delle Torres del Paine, che raggiungeremo però solo l’indomani. Dopo aver attraversato la frontiera con il Cile termineremo la nostra tappa nella piccola località di Cerro Castillo.

18 Febbraio 2020: Cerro Castillo – Camping Pehoe

3ª Tappa – 83 km (di cui 30 km su asfalto) – Dislivello+ 950 mt
Lasciamo Cerro Castillo per entrare all’interno del Parco Nazionale Torres del Paine. Tappa spettacolare con continue vedute sul Paine. Dopo l’ingresso ci aspetta la salita più dura di tutto il nostro viaggio. Ultimo dell’anno indimenticabile in uno dei nostri accampamenti preferiti.

19 Febbraio 2020: Camping Pehoe – Camping Serrano

4ª Tappa – 51 km (solo sterrato) – Dislivello+ 500 mt
Tappa relativamente breve ma che include l’insidia del vento che dovremo affrontare per godere dello spettacolo del Lago Grey. Qui breve trekking sul lago prima di continuare fino al nostro accampamento.

20 Febbraio 2020: Camping Serrano – Puerto Natales – Punta Arenas

5ª Tappa – 86 km (di cui 20 su asfalto) – Dislivello+ 1.100 mt
Lasciamo il Parco del Torres del Paine e continuiamo verso sud in direzione Puerto Natales. Tappa molto spettacolare, con continui saliscendi ed una splendida vista sul Lago Toro. In prossimità di Puerto Natales ci affacciamo sull’Oceano Pacifico. Giunti in città ci aspetta un transfer di 250 chilometri per raggiungerere Punta Arenas, dove trascorreremo la notte.

21 Febbraio 2020: Punta Arenas – Bahía Inutíl

6ª Tappa – 70 km (di cui 10 su asfalto) – Dislivello+ 1.000 mt
Attraversiamo in traghetto lo stretto di Magellano per raggiungere Porvenir. Da qui inizia una magnifica pista lungo l’oceano che seguiremo tutto il giorno fino a raggiungere il nostro accampamento.

22 Febbraio 2020: Bahía Inutíl – Cameron

7ª Tappa – 86 km (solo sterrato) – Dislivello+ 600 mt
Proseguiamo sulla nostra pista per aggirare la parte terminale dell Bahia Inutil. Il cambio di direzione ci porterà quasi sicuramente a pedalare contro il forte vento patagonico, giusto dazio da pagare per chiunque voglia visitare queste terre. Termineremo la nostra giornata nell’idilliaca Cameron, piccola cittadina di pescatori e pastori incastonata in una baia riparata dal vento.

23 Febbraio 2020: Cameron – Destacamento Bellavista

8ª Tappa – 100 km (solo sterrato) – Dislivello+ 900 mt
Iniziamo la attraverersata che ci porterà, nell’arco di due giorni, ad affacciarci sull’Oceano Atlantico. Pedaleremo tutto il giorno verso est, su piste sterrate dove l’incontro con altre persone sarà un evento molto raro. Verso la fine della tappa ci avvicineremo al Passo Bellavista non prima di avere attraversato alcuni splendidi boschi.

24 Febbraio 2020: Destacamento Bellavista – Rio Grande

9ª Tappa – 88 km (di cui 15 km su asfalto) – Dislivello+ 750 mt
Lasciamo il nostro accampamento e proseguiamo sulla nostra pista verso est con continui saliscendi. Ultimi chilometri su asfalto per raggiungere la cittadina di Rio Grande.

25 Febbraio 2020: Rio Grande – Lago Chepelmut

10ª Tappa – 108 km (di cui 20 km su asfalto) – Dislivello+ 1.000 mt
Altra splendida tappa all’interno della Isla Grande della Tierra del Fuego. Dopo aver percorso un piccolo tratto della Ruta Nacional 3 entreremo in una pista che ci condurrà fino ai pressi del Lago Chepelmut dove accamperemo.

26 Febbraio 2020: Lago Chepelmut – Lago Escondido

11ª Tappa – 94 km (di cui 75 km di asfalto) – Dislivello+ 850 mt
Iniziamo ormai ad assaporare la nostra meta finale. Restano ancora pochi chilometri di sterrato prima di immetterci definitivamente sulla Ruta 3 che ci condurrà fino a Ushuaia. Sosta d’obbilgo alla mitica Panaderia di Tolhuin e accampamento sul Lago Escondido.

27 Febbraio 2020: Lago Escondido – Ushuaia

12ª Tappa – 57 km (solo asfalto) – Dislivello+ 750 mt
Ultima tappa del nostro viaggio. Per giungere alla nostra meta dovremo affrontare il mitico Passo Garibaldi. L’arrivo a Ushuaia è previsto nella mattinata del 9 gennaio. Nel pomeriggio avremo il tempo per preparare le bici e fare gli ultimi acquisti prima del rientro.

28 Febbraio 2020
In mattinata transfer all’aeroporto per volo di rientro. Fine dei servizi.

Prezzo

Il costo individuale di partecipazione é € 1.790

Numero minimo: persone
Numero massimo: persone

Il prezzo include

  • Due guide in bici di PA Cyclism.
  • Soggiorno 2 notti in Hostel a El Calafate (colazione inclusa), con ingresso e visita al Ghiacciaio Perito Moreno.
  • Biglietto di ingresso al Parco Nazionale Torres del Paine
  • Biglietto Traghetto Punta Arenas – Porvenir
  • 1 notte in Hostel a Punta Arenas e Ushuaia.
  • Copertura assicurativa di viaggio
  • Transfer dall’aeroporto di El Calafate all’hostel il giorno 14 Febbraio 2020
  • Transfer all’aeroporto di Ushuaia il giorno 28 Febbraio 2020

Il prezzo non include

  • Biglietto aereo A/R e overbaggage
  • Pranzi e cene a El Calafate e Ushuaia
  • Vitto e alloggio durante le giornate in bici.
  • Escursioni ed attività extra.
  • Costo aggiuntivi in caso di modificazione logistica (trasferimenti extra, notti in hotel fuori programma)
  • Tutto quanto non presente nella sezione “Il prezzo include”

Informazioni

Informazioni di una Tappa-tipo: Ci sarà una tabella di marcia “di massima”. Non sempre sarà possibile rispettarla, a causa degli imprevisti che incontreremo lungo il cammino (problemi meccanici, maltempo, ecc). Valuteremo di volta in volta se forzare per raggiungere il fine tappa che ci eravamo preposti, oppure campeggiare o dormire altrove.
Ci aspettano sicuramente lunghe giornate in sella, non sempre avremo la possibilità di lavarci o fare un abbondante colazione al mattino, ma tutto questo è parte dell’idea stessa che sta dietro a questo viaggio: la capacità di adattarsi alle situazioni che si verranno a creare chilometro dopo chilometro.

Nota Importante! Le guide metteranno a disposizione dei partecipanti tutta la loro esperienza ed il massimo impegno affinché ognuno possa godere del massimo comfort durante tutta la spedizione. L’organizzazione si riserva il diritto di cambiare in corso d’opera il tracciato della spedizione nel caso si presentassero dei tagli nelle piste da seguire o, semplicemente, per salvaguardare la sicurezza di tutti i partecipanti.

Assistenza Sanitaria: Nel corso di tutto il viaggio avremo un basilre kit di primo soccorso. Consigliamo ad ognuno di voi di non partire senza la propria scorta di farmaci. Chiunque fosse allergico a un determinato farmaco e/o alimento è pregato di comunicarlo alla direzione di Projecting Adventure Cyclism. Non è richiesta nessun tipo di vaccinazione particolare, anche se è raccomandabile essere coperti con la vaccinazione antitetanica.

Alimentazione: Ognuno dovrà provvedere al proprio fabbisogno alimentare ed idrico. Incontreremo naturalmente locali dove poter mangiare ed acquistare cibo lungo il percorso; ci saranno tuttavia alcune tratte dove dovremo essere completamente autosufficienti anche per più di una giornata.

Clima: Il clima sarà  viariabile passando da giornate soleggiate e calde (circa 30 gradi C)  a probabili piogge copiose con giornate fredde ed a volte precipitazioni nevose saranno possibili; il vento sarà una presenza  costante soprattutto nel lato argentino e pochissime volte nostro alleato

Documentazione: Ogni partecipante dovrà essere in possesso del proprio passaporto in regola e vigente con una validità, al giorno della partenza, di minimo sei mesi.

Visto: I visti si effettuano all’ingresso nel paese (attraverseremo la frontiera con il Cile)

Profilassi: Non è richiesta nessun tipo di vaccinazione particolare anche se è raccomandabile essere coperti con la vaccinazione antitetanica.

Moneta: Le monete sono è il Peso Argentino (ARS)  e Peso Chileno (CLP) .Un Euro viene cambiato (Giugno 2018)

1 € = 28 ARS

1 € = 730 CLP

Non sarà necesario portarsi al seguito valuta straniera. In qualsiasi “exchange money” si accettano gli Euro. Inoltre con la vostra tessera bancomat, se accettata dai circuiti: Cirrus e/o Maestro potrete tranquilamente prelevare denaro da un qualsiasi bancomat All’aereoporto di Buenos Aires troveremo una cassa per il cambio e nel centro di El Calafate dei bancomat per prelevare.

Assistenza meccanica: Ognuno dei partecipanti dovrà cercare di essere il più indipendente possibile dal punto di vista meccanico. Al di là delle semplici e comuni riparazione (forature, rottura della catena) e manutenzioni (pulizia catena, cambio pastiglie freni) è bene conoscere ed avere con se possibili parti “sensibili” in mancanza delle quali non sarebbe possibile proseguire il proprio viaggio (es. pendolino del cambio, collarino sella, alcuni raggi delle proprie ruote, un copertone di scorta). Questo non vuol naturalmente dire che solo i meccanici provetti possano cimentarsi in un viaggio di questo tipo, bisogna però essere consapevoli che eventuali rotture non potranno essere facilmente ed immediatamente risolte, visto che ci troveremo in luoghi piuttosto isolati senza la presenza di negozi di bici.  Prima della partenza bisogna naturalmente portare la bici dal proprio meccanico di fiducia per un tagliando accurato. Sarà però poi necessario, prima di imballare la bici per il trasporto aereo, provare il mezzo a pieno carico simulando le condizioni che andremo ad incontrare.

Consigli sulla bicicletta: Il percorso si svolge prevalentemente su asfalto o strade sterrate pedalabili.  Saranno comunque presenti brevi tratti pietrosi o sabbiosi dove è richiesta una buona conduzione della bici. Consigliamo una bici da 29″ con copertoni scorrevoli. Negli incontri previ alla partenza verrà mostrato e spiegato tutto ciò che le guide useranno durante la spedizione ciclistica. Questo vorrà essere solo una linea guida, non sarà in nessun caso obbligatorio attrezzarsi esattamente come chi condurrà il gruppo. Sarà altresí a discrezione dei tour leader decidere se una scelta presa da parte di uno dei partecipanti, possa andare a discapito della buona riuscita della spedizione stessa. Tutto questo dovrà essere concordato prima della partenza dall’Italia.

NORMA BASICA

Al fine di ottenere la maggior efficacia del viaggio e affinché questo si sviluppi in tutta sicurezza, l’Organizzazione ha redatto alcune norme di base.

a. Equipaggiamento e attrezzatura necessari
Ognuno sarà responsabile caricare sulla propria bici tutto quanto ritenga necessario al viaggio, questo è ciò che riteniamo indispensabile:

  • Tenda, sacco a pelo (zona comfort 0º) e materassino
  • Fornelletto, pentola, posate  e accendino
  • Borse da cicloviaggio
  • GPS
  • Abbigliamento ciclistico (corto e lungo)
  • Gambali e manichette
  • Pantaloni e giacca antipioggia
  • Guanti e cappelino leggero e berretta in pile o lana
  • Giacchetta anti vento
  • Calze e scarpe adeguate per pedalare
  • Scarpe per il dopo bici o ciabatte
  • Un pile o maglione di lana
  • Corda e mollette
  • Creme idratanti e di protezione solare
  • Casco (uso obbligatorio)
  • Borracce o camelbag (riserva idrica di almeno 5 lt)
  • Kit antiforature + camere d’aria di scorta + pompa
  • Un copertone di scorta
  • Smagliacatena, Multitool e olio per catena
  • Una piccola farmacia personale.
  • Occhiali da sole
  • Ricambi specifici per la propria bici (pendolino, collarino reggisella, raggi)

b. Tutela dell’ambiente
Ogni partecipante si impegna alla salvaguardia dell’ambiente. Carte o involucri vari non dovranno essere gettati lungo il percorso, ma  portati fino al primo cassonetto utile.

c. Sicurezza stradale
Senza limitare l’entusiasmo ciclistico di ogni partecipante l’organizzazione si appella alla responsabilità di ognuno nell’uso della propria bicicletta, al fine di evitare gravi incidenti a se stessi, agli altri e all’organizzazione. Vi preghiamo di circolare sempre con molta precauzione e usare sempre il casco.

d. Diritto dell’organizzazione
Data la caratteristica dell’ambiente e del viaggio, l’organizzazione si riserva il diritto di cambiare in corso d’opera il tracciato della spedizione, nel caso si presentino dei tagli nelle piste o semplicemente per salvaguardare la sicurezza di tutti i partecipanti.

e. Dichiarazione Liberatoria di Responsabilità
È necessario firmare la Dichiarazione Liberatoria di Responsabilità che si trova in allegato alla scheda tecnica.

Condizioni di rimborso in caso di rinuncia al viaggio
Nel caso in cui, per un qualsiasi motivo un partecipante iscritto al viaggio si veda costretto a rinunciare al viaggio, l’interessato dovrà darne notifica scritta immediata a Projecting Adventure Cyclism ed avrà diritto al rimborso della somma versata al netto delle penalità, qui di seguito riportate, oltre agli oneri e spese da sostenersi per l’annullamento dei servizi:

10% dell’importo totale del viaggio per annullamenti fino a 45 giorni dalla partenza del viaggio
-
30% dell’importo totale del viaggio sino a 30 giorni prima della partenza del viaggio.
-
60% dell’importo totale del viaggio sino a 21 giorni prima della partenza del viaggio –
70% dell’importo totale del viaggio sino a 14 giorni prima della partenza del viaggio –
nessun rimborso dopo tale data.

Nessun rimborso sarà accordato a chi non si presenterà alla partenza o rinuncerà durante lo svolgimento del viaggio stesso.
Così pure nessun rimborso spetterà a chi non potesse effettuare il viaggio per mancanza o inesattezza dei previsti documenti personali di espatrio. Se per cause di forza maggiore (es. calamità naturali, guerre, chiusura frontiere) non prevedibili o risolvibili da parte di Projecting Adventure Cyclism si verificano situazioni che impediscano lo svolgimento di qualsiasi viaggio o servizio contrattato attraverso la web o se fosse impossibile la realizzazione anche solo in parte di uno dei viaggi o servizi contrattati con Projecting Adventure Cyclism, il cliente rinuncia a presentare qualsiasi tipo di reclamo verso l’ Agenzia Viaggi Projecting Adventure Cyclism, salvo che non venga dimostrata la mancanza di una diligenza professionale da parte di Projecting Adventure Cyclism. 
 Vi ricordiamo che non siamo in nessun caso responsabili di spese sostenute per l’acquisto di voli aerei.