2008/anno
155/giorni
6315/km

Non è difficile pensare al luogo in assoluto più affascinante e ambito per chi gira il mondo come me: voglio andare in Tibet!

TIBET

L’Indocina in bicicletta è stata una esperienza incredibile ma ora sento la necessità di fare un passo oltre e provare un’avventura veramente degna di questo nome. Non è difficile pensare al luogo in assoluto più affascinante e ambito per chi gira il mondo come me: voglio andare in Tibet! Per motivi ovvi è la pedalata più difficile di sempre (alta quota, isolamento totale, scarsità di cibo e distanze immense) ma logisticamente sembra impossibile perché è assolutamente vietato agli stranieri entrarci se non pagando un Tours operator con guida cinese e con visto massimo di tre settimane. L’unica soluzione è entrarci illegalmente senza documenti e letteralmente scappare dalla polizia per per tutta la durata del mio viaggio. Dopo una inenarrabile fatica e tanta tanta fortuna sono riuscito ad attraversare il solitaria tutto il Tibet da est ad ovest percorrendo la strada più alta e isolata del mondo. Sono entrato via terra eludendo i controlli e rimanendo nell’ombra superando decine di posti di blocco di notte. Ho pedalato ad una quota di oltre 5000m spesso attanagliato dalla fame ma ho incontrato un meraviglioso popolo che ha sempre fatto di tutto per aiutarmi ed accogliermi.